Copia-Incolla

Siccome sono in pochi a dire certe cose, perche’ pochi ancora davvero possono dirsi degli intellettuali, e’ doveroso quindi fare almeno testimonianza affinche’ non si perda completamente la bussola.

Per questo ho deciso di copia-incollare questo articolo di Roberto Cotroneo

Allevi, la musica e l’Osservatore

Abbandoniamo per un giorno i temi politici. E concentriamoci su quelli culturali. Ieri su un giornale molto particolare, “L’Osservatore Romano” è apparsa una recensione davvero interessante. Il critico musicale Marcello Filotei scrive un articolo fortemente polemico nei confronti del pianista Giovanni Allevi e della sua musica. Dice: “Giovanni Allevi non è affatto “strambo”, è costruito con una cura assoluta ed è la rappresentazione oleografica del compositore, così come se l’aspetta chi non ha molta consuetudine con le sale da concerto”. E più avanti: ” il compositore marchigiano arriva e offre al pubblico quello che già conosce… E questa è la forza culturalmente pericolosa dell’operazione Allevi: convincerci che tutto quello che non capiamo non vale la pena di essere compreso. Rassicurati sul fatto che “non siamo noi ignoranti, sono loro che non sanno più scrivere una bella melodia”, potremo finalmente andare fieri di non avere mai ascoltato Stravinskij”. La recensione del quotidiano della Santa Sede è molto stimolante. Non tanto per il fenomeno Allevi, che di per se ha pochissimo di interessante, quanto sul fatto che il pianista marchigiano definisce la sua musica: “classica contemporanea”. In realtà la musica classica sta ad Allevi come la pizza napoletana sta a quella che vendono surgelata in Germania. E Allevi stesso è un fenomeno commerciale, che porta con se tutti i luoghi comuni sulla musica, sul pianoforte, sull’esecuzione pianistica. Qualunque persona di media cultura musicale capisce immediatamente di che musica si tratta: roba da aereoporto o studio dentistico, perfetta per rimanere in sottofondo. Ma é soprattutto una musica che non ha ambizioni, né di essere ricordata, né di essere ascoltata con emozione.
Eppure è ormai qualche anno che ci si sente ripetere sempre la stessa cosa. Allevi compositore strambo, ragazzino capace di incantare quando siede alla tastiera. E invece se lo ascolti dal vivo ti accorgi che il suo suono non è mai pulito, che la dinamica pianista di Allevi è incerta, e che persino la tecnica non è al livello di un pianista degno di questo nome. Per non parlare del livello delle composizioni. Ma queste cose non le scrive nessuno, perché i critici dei giornali non sono critici, ovvero non sono persone con una preparazione specifica per capire certe cose, ma sono giornalisti che esprimono giudizi. Ovvero persone prive di una vera preparazione che si inventano canoni che non esistono.
Il critico dell'”Osservatore” aggiunge: “In un Paese come l’Italia – dove c’è chi, come Alessandro Baricco, arriva a scrivere e dirigere film per spiegare che Beethoven è sopravvalutato – è abbastanza frequente che si cada nel tranello dell’artista svagato. Certo non è colpa dell’artista in questione, ma di un sistema scolastico fatto di flauti dolci e Fra Martino campanaro che spesso non fornisce gli strumenti per distinguere Arisa da Billie Holiday, figuriamoci Puccini da Allevi”.
Io direi che è colpa di tutti. Di tutti quelli che hanno inventato casi, fenomeni, scrittori, geni della musica, artisti che non avevano peso e valore, per moda e per debolezza, e perché proni a un’industria culturale capace di manipolare i media. Il risultato è quello che abbiamo sotto gli occhi. È quello che vado a ripetere qui da mesi. Il crollo culturale di un paese che va di pari passo con il crollo morale.Riguardo ai flauti dolci, magari si insegnasse davvero a suonarli, sarebbe già qualcosa.

(grazie  a Elena per la segnalazione)


Un intellettuale e’ una persona che trova valori; e’ triste che li debba difendere dalla societa’ che piu’ non li accoglie.


ps: questo post e’ dedicato personalmente a tutti i lettori di Erri de Luca e di Margaret Mazzantini  ;P

Annunci

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Una risposta a “Copia-Incolla

  1. cacciaramarri

    e ai lettori di Baricco niente?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...